ABRUZZO


 

L'AQUILA

BASILICA DI

SANTA MARIA

DI COLLEMAGGIO

CARATTERIZZATA DA UNA SINGOLARE FACCIATA A MOTIVI GEOMETRICI E DA AMPI ROSONI, E' IL RISULTATO DEL COMPLESSO CONNUBIO TRA ARCHITETTURA ROMANICA , GOTICA E BAROCCA.

IL TERREMOTO DEL 2009 HA GRAVEMENTE COLPITO LA BASILICA CHE ORA E' IN FASE DI RESTAURO.

TERAMO

POLITTICO DI SANT'AGOSTINO

 

AUTORE: JACOBELLO DEL FIORE.

1439

TERAMO, DUOMO

COSTITUITO DA SEDICI TAVOLE DISPOSTE SU DUE FILE E COMMISSIONATO AL PITTORE VENEZIANO JACOBELLO DEL FIORE DA UN PRIORE AGOSTINIANO, IL POLITTICO E' UN ECCELLENTE ESEMPIO DI PITTURA TARDO GOTICA.

CASAURIA ( PESCARA )

BASILICA DI SAN CLEMENTE

 

DALL'871

CASTIGLIONE A CASAURIA (PESCARA)

SORTA PER VOLERE DELL'IMPERATORE LODOVICO II NELL'871, VISSE IL MOMENTO DI MASSIMO SPLENDORE TRA XII E XIII SECOLO E RAPPRESENTA LA FASE DI TRANSIZIONE DALLO STILE ROMANICO A QUELLO GOTICO CISTERCENSE.

PESCARA

LA FIGLIA DI JORIO

PITTORE ABRUZZESE ED ESPONENTE DEL REALISMO ITALIANO, FRANCESCO PAOLO MICHETTI DIPINGE LA TELA NEL 1895 ISPIRANDO GABRIELE D'ANNUNZIO PER LA CREAZIONE DELL'OMONIMA TRAGEDIA.

 

OPERA: GUERRIERO  DI CAPESTRANO

STORIA

QUESTA SCULTURA E' UNA DELLE OPERE PIU' FAMOSE DELL'ARTE ITALICA.

RISALE ALLA PRIMA META' DEL VI SECOLO A.C. E FU TROVATA NEL 1937 IN UNA NECROPOLI NEI PRESSI DI CAPESTRANO.

DESCRIZIONE

E' RICAVATA DA UN BLOCCO DI PIETRA CALCAREA  E INQUADRATA DA DUE PILASTRI LATERALI.

ALTA 2,09 METRI E ORIGINARIAMENTE DIPINTA, LA STATUA RAPPRESENTA UN UOMO CON UN CAPPELLO DALLE AMPIE FALDE, USATO PROBABILMENTE PER LE CERIMONIE.

IL CORPO E' RICOPERTO IN DIREZIONE DEL CUORE DA DUE DISCHI E DA UN SUCCINTO ABITO: TRA LE MANI IMPUGNA IL SIMBOLO DEL POTERE E UN'ASCIA.

 

 

BASILICATA


LA REGIONE E' NOTA ANCHE LUCANIA, NOME CON CUI SI DISEGNAVA NELL'ANTICHITA' UN TERRITORIO MOLTO PIU' VASTO COMPRENDENTE PARTE DELLA CALABRIA E DELLA CAMPANIA.

AVIGNANO (POTENZA)

 

CASTELLO DI LAGOSPESOLE

UNO DEGLI ULTIMI CASTELLI  EDIFICATI

DA FEDERICO II DI SVEZIA, FU INIZIATO NEL 1242, MA L'ASPETTO  ATTUALE RISENTE DELLE MODIFICHE  APPORTATE NEI SECOLI. DAGLI SVEVI ALI ANGIOINI AI DORIA PAMPHILJ.

METAPONTO ( MATERA )

AREA ARCHEOLOGICA

FONDATA DAGLI ACHEI NELLA SECONDA META' DEL VII SECOLO A.C. , L'ANTICA CITTA' DI  METAPONTO CONSERVA EDIFICI SACRI IN STILE DORICO E IONICO, UN AMPIO TEATRO E LE FAMOSE TAVOLE PALATINE.

 

NELLA FOTO: TEMPIO DI HERA,VI SECOLO A.C. ,

METAPONTO ( MATERA ).

MELFI ( POTENZA )

SARCOFAGO DI RAPOLLA

RINVENUTO A RAPOLLA, LUNGO LA VIA APPIA, IL SARCOFAGO DI FATTURA ASIATICA  ( II SECOLO A. C. ) TESTIMONIA L'IMPORTANZA DEL TERRITORIO IN EPOCA ROMANICA.

 

MATERA

LUCANIA '61 DI CARLO LEVI

 

1961, PALAZZO LANFRANCHI

 

 

E' UN GRANDIOSO SPACCATO  DEI LUOGHI E DELLE GENTI CHE ABITANO QUESTO TERRITORIO AL QUALE CARLO LEVI, ARTISTA E SCRITTORE TORINESE, ERA MOLTO LEGATO.

IL SUO ROMANZO CRISTO SI E' FERMATO A EBOLI RIEVOCA PROPRIO GLI ANNI TRASCORSI IN BASILICATA.

 

 

L'OPERA:CHIESA DI SANTA LUCIA ALLA MALVE

NELLA FOTO: INTERNO DELLA CHIESA DI SANTA LUCIA ALLE MALVE, VII SECOLO, MATERA.

STORIA: FONDATA DAL PRIMO INSEDIAMENTO FEMMINILE DELL'ORDINE BENEDETTINO, RISALE ALL'VIII SECOLO E FA  PARTE DEL PARCO DELLE CHIESE RUPESTRI: UN COSPIQUO GRUPPO DI CHIESE ( CIRCA 150) COSTRUITE DAI MONACI CHE GIUNSERO TRA L'VIII E IL XVI SECOLO A MATERA, ALL'EPOCA TERRA DI CONFINE TRA IL DUCATO LONGOBARDO DI BENEVENTO E LE PROVINCIE BIZANTINE. SONO CHIAMATE RUPESTRI PERCHE' SCAVATE NELLA ROCCIA COME LE ABITAZIONI MATERANE.

 

DESCRIZIONE:

SORTA ACCANTO AL MONASTERO, LA CHIESA, DI NOTEVOLI DIMENSIONI, SI ARTICOLA IN TRE NAVATE, SEPARATE DA SEMPLICI PILASTRI ARCUATI.

ORIGINARIAMENTE  LA NAVATA CENTRALE ERA ARRICCHITA DA UNA ICONOSCTASI  ( PARETE DIVISORIA FRA LA ZONA DEL PRESBITERIO E QUELLA RISERVATA AI FEDELI.

MOLTISSIMI AFFRESCHI ANTICHI DECORANO LE PARETI DELLA CHIESA.