ARCIMBOLDO


RITRATTO DI UN IMPERATORE: L'imperatore Rodolfo II in veste di Vertumno.

 

 

GIUSEPPE ARCIMBOLDO E' UN PITTORE MILANESE NOTO PER LE 'TESTE BIZZARRE' CHE DIPINGE ASSEMBLANDO IN MODO CURIOSO OGGETTI DI VARIA NATURA, COME FOSSERO PUZZLE. EGLI SFRUTTA DISEGNI DI PESCI, FRUTTA , ORTAGGI PER COMPORRE VOLTI UMANI.

LO SCOPO DI ARCIMBOLDO E' SUSCITARE MERAVIGLIA E STUPORE.

 

IL BIBLIOTECARIO, DIPINTO DALL'ARCIMBOLDO.

 

SCARICA IL TESTO DI QUESTA PAGINA

 

LETTURA DELL'OPERA

L’ortolano

0.1.Autore: Giuseppe Arcimboldo

0.2.Titolo: L’ortolano o Ortaggi in una ciotola

0.3.Data di esecuzione: 1590

0.4.Tecnica e supporto: olio su tavola

0.5.Misure: 35,8 x 24,2

0.6.Collocazione: Museo Civico di Cremona

 

1. L’opera è: figurativa

2. I generi pittorici a cui appartiene è: natura morta ritratto

3. Descrizione del soggetto: Il dipinto fa parte dei quadri reversibili cioè quei dipinti che possono essere girati di 180 gradi e mostrano un’immagine diversa. Nel primo caso rappresenta una ciotola contenente ortaggi mentre se viene girata mostra il volto dell’ortolano che prende la forma di una testa con la ciotola che assume l’aspetto di un copricapo.

4. L’andamento prevalente delle linee è: curvo

5. le linee sono tracciate con un segno: spesso

6. I colori che si notano maggiormente sono: nero, arancio, rosso e verde

7. sono colori prevalentemente: gli ortaggi o il viso sono fatti con colori caldi(verde rosso, arancio e giallo) mentre la ciotola o copricapo presenta un colore scuro(nero)

8. il colore è applicato: con pennellate pastose

9. L’intensità della luce è: soffusa

10. La luce crea un contrasto chiaroscurale: sfumato

11. La fonte luminosa: non è raffigurata

12. La composizione risulta: dinamica

13. Gli elementi sono: collocati su più piani

14. La rappresentazione dello spazio: segue le regole della prospettiva

15. La scena è osservata: frontalmente

16. La raffigurazione della scena è: ricca di particolari

17. E' resa in modo: fantastico